. - .
-
 

:: Home

:: Fotografie

:: Strumentazione 

:: Download

:: Guestbook

:: Links

:: Contatti

.
  :: biografia -
 

Nato a La Spezia  l’8 giugno del 1973, Antonello Pudva dà sfogo alla sua vena artistica fin dai primissimi anni di vita. Prima ancora di iniziare le scuole elementari si dedica al disegno con uno spiccato interesse per la progettazione automobilistica e il fumetto, vincendo diversi concorsi nazionali. La passione per il disegno lo accompagna fino alle scuole superiori, tanto da sembrare il suo ormai ovvio campo di realizzazione professionale. Ma nel 1989 uno special televisivo dedicato a Jimi Hendrix (Rock a Mezzanotte, Italia 1) gli cambia letteralmente la vita. L’atteggiamento sul palco e la sonorità di Hendrix lo affascinano e pochi mesi più tardi arriva in regalo la prima chitarra: la combinazione delle due cose dà vita ai primi approcci con lo strumento. In un primo momento oltre che da Hendrix Antonello è influenzato da chitarristi, come David Gilmour, Eric Clapton, Mark Knopfler e successivamente da Steve Lukather, Van Halen, Yngwie Malmsteen, Joe Satriani, Steve Vai e numerosi altri.

Dal '93 collabora a colonne sonore con il compositore tedesco Christian Kusche per svariati film e produzioni televisive tedesche (Sat 1 ed altri) e per programmi culturali di diversi canali satellitari, come TVL.

Dopo aver militato in diversi gruppi della sua città, approda al primo ingaggio professionale nel 1994 in occasione della tournée del cantautore etnico Kaballà (CGD). Lo stesso anno, insieme a Guido Carli (batteria), Andrea Cozzani (basso) e Rodolfo Giardina (voce), crea la cover band Ego con la quale suona in tutto il centro-nord Italia.

Nel 1995/96 lavora per Mediaset nella band della trasmissione “Medicine a Confronto” di Daniela Rosati (Rete 4) e nell’estate del ’96 entra a far parte del gruppo metal svedese Dark War Draft, con il quale intraprende una tournée europea, presenziando a diversi festival (tra i quali il Monsters of Rock e il Frankfurt HM Festival assieme ad artisti del calibro degli  Anthrax, dei Soundgarden e dei Green Day).

Nel ’97 Rodolfo Giardina lascia gli Ego, che diventano definitivamente un gruppo strumentale rock-fusion. In quello stesso anno approfondisce anche lo studio del basso e suona come bassista con diverse cover band. Il successivo studio della batteria e del pianoforte gli permette di lavorare in sala di registrazione anche come programmatore e arrangiatore, cosa che lo rende un vero jolly per numerose band, nelle quali ricopre i più diversi ruoli.

Nel ’98 vince il concorso “Guitar Man” organizzato dalla Fender, aggiudicandosi una Fender Richie Sambora, e una sua rivisitazione del brano “Peaches en Regalia” di Frank Zappa realizzato in collaborazione con Italo Lombardo (fonico di fama internazionale) verrà inserito in un cd prodotto dagli organizzatori del concorso. Comincia inoltre a collaborare nell’ambito dance con artisti e dj quali i Kamasutra, Double You, Bini & Martini, Love Solution, Jackie Floyd, Praise Cats, ecc. (molti grooves di singoli dance di successo sono infatti opera sua). Alla fine del '98 risale anche una collaborazione con Zucchero, assieme al quale suona in occasione di un concerto per beneficienza.

Nel ’99 collabora con Marco Baroni, Alex Neri (Planet Funk, Kamasutra) e Andrea Cozzani ad una produzione di Alan Sorrenti che l’estate dell’anno successivo li porterà in tournée.

Nel 2000 è impegnato anche al Disma Music Show di Rimini in qualità di dimostratore per Yamaha Musica Italia e Digidesign, con Christian Meyer (Elio e le Storie tese), Luca Ravagni (Giorgio Gaber, Paolo Vallesi, Irene Grandi) e Mariano Barba. Nel dicembre dello stesso anno suona con Ian Paice (batterista dei Deep Purple).

Nel 2001 collabora con il grande maestro Amedeo Tommasi (Chet Baker, Ennio Morricone) ed entra a far parte del corpo docenti dell’Accademia Lizard di Fiesole.

Nel febbraio 2002 entra in qualità di chitarrista solista nella cover band di Vasco Rossi La Combriccola del Blasco, in cui militano anche Daniele Tedeschi (batterista di Vasco per undici anni) e occasionalmente Claudio “Galina” Golinelli (Vasco Rossi); suona il basso nella Maurizio Solieri Band (chitarrista di Vasco) insieme a Tedeschi, Mimmo Camporeale (Steve Rogers Band), Alberto Rocchetti (Vasco Rossi), Andrea “Cucchia” Innesto (Vasco Rossi) e Vic Johnson. Con Daniele Tedeschi suona anche in trio col chitarrista Ricky Portera (Stadio, Lucio Dalla).

Nel 2003, tra le altre cose, registra il singolo di Gatto Panceri “Accarezzami domani” e successivamente l’intero album “Sette Vite”, uscito nel novembre dello stesso anno per la Do It Yourself.

Nel 2004 entra a far parte della Oops Band di Milano, con la quale accompagna diversi artisti della musica e della televisione, tra i quali Umberto Smaila, Alba Parietti, Stefano Nosei, Marcella e Gianni Bella, Peppino Di Capri e molti altri.  Alla fine dello stesso anno c’è una tappa importante della sua carriera, con la partecipazione nel cd tributo a Jimi Hendrix Gypsy Blood (Comet Records), nel quale compare assieme a chitarristi del calibro di Steve Lukather, Robben Ford, Larry Coryell, Jeff Richman, Hiram Bullock ed altri.

 

-